Corral »

La crisi finanziaria americana,  e la conseguente crisi economica generale, è anche la caduta della visione ideologica  che ha dominato l’economia mondiale negli ultimi venti anni, sviluppata negli USA e diffusa nel mondo dai neoconservatori americani, dalle banche d’investimento statunitensi, dai loro portavoce presso le Università di tutto il mondo, dalle grandi società di consulenza.
Avevano detto che la deregolamentazione selvaggia dei mercati avrebbe portato produttività e benessere per tutti. Ora sappiamo che non è vero.
Avevano detto che il darwinismo sociale è il motore dello sviluppo e che la solidarietà sociale …

Idee/Fatti del Mondo »

I due maggiori pensatori spagnoli del Novecento, Miguel de Unamuno e José Ortega y Gasset, abitano nei Campi Elisi, il primo dall’ultimo giorno del terribile 1936, il secondo dal 1955. In vita si combatterono accanitamente, incarnavano due idee e due fedi divergenti della Spagna. E oggi, dalla loro contrada di paradiso, continuano a litigare? Chi dei due aveva visto meglio il destino della loro patria, che era stata grandissima? Chi è giusto sia il riferimento ideale della nazione del 2012, spaventata dal default ma assai prospera rispetto a quella di …

Uncategorized »

Abbiamo l’abitudine di pensare: la Nazione continentale che dovremo a tutti i costi creare nel Vecchio Continente -in odio agli USA dovremmo chiamarlo Glorioso Continente- sorse carolingia e renana, sorse sulla volontà di due grandi popoli che si rifanno al fondatore del Sacro Romano Impero di non combattersi mai più. E’ vero, naturalmente. Tuttavia aveva ragione Manuel Fraga Iribarne -che fu presidente della Galizia dopo essere stato governante di vertice a Madrid; senza dubbio il maggiore tra gli studiosi spagnoli investito di responsabilità politiche- quando affermava che il sentimento d’Europa …

Idee/Fatti del Mondo »

Come capo di uno dei partiti della Spagna fattasi democratica, Manuel Fraga Iribarne fu un fallimento. Se invece si prescinde dalla sua decisione di mettersi nel gioco del parlamentarismo postfranchista, egli fu il politico più colto e significativo di Spagna nella fase tra il 1962 (ingresso nel governo di Franco) e il primo ministero (1976) svincolato dal Caudillo, presieduto dall’abile Nessuno Adolfo Suarez. Già ministro del Movimiento, cioè sahariana in chief, Suarez seppe convertirsi nel primo presidente della Transiciòn alla democrazia. Fraga, vice premier e da molti pronosticato per il …

Idee/Fatti del Mondo »

Madrid cadde veramente ai partiti, ladri un po’ meno dei nostri e meno voraci di emolumenti, rimborsi e ricche pensioni, trent’anni fa, il 28 ottobre 1982. Quel giorno il Partito socialista (Psoe), capeggiato dall’affascinante avvocato andaluso Felipe Gonzales, stravinse le elezioni generali: oltre 10 milioni di voti, 205 seggi alle Cortes contro 106 della malaugurata Alianza Popular di Manuel Fraga Iribarne. Il Partito comunista di Santiago Carrillo -successore ragionevole del fazioso parossismo  della ‘Pasionaria’ Dolores Ibarruri (parossismo temperato dalla volpina abilità di Palmiro Togliatti)- fu sul punto di spirare: 4 seggi.
Nei …

Cambiare Democrazia »

Valerio Onida, presidente emerito della Corte costituzionale -cioè uno degli esuberi, il giorno che la Costituzione e la Corte saranno cestinate- ha incriminato gli italiani in blocco nell’irosa risposta che ha dato (‘Corriere’ 24 settembre) a Michele Ainis; il quale aveva definito zavorra il decentramento dello Stato, e sostenuto che dalla riforma nel 2001 del titolo V della parte seconda della Costituzione sono cominciati certi nostri guai. L’Emerito ha indirizzato contro “l’amico e collega” una serie di duri ‘non è vero’: 1) che la Costituzione trasformi le Regioni in potentati …

Cambiare Democrazia »

Difficilmente si poteva argomentare meglio di come ha fatto il 10 novembre Roger Abravanel (nel blog Meritocrazia.corriere.it) che la disuguaglianza sociale è un’apartheid;  che nei fatti la sinistra rinuncia a combatterla; che non riuscendo a superare certi propri tabù si può dire sia un’alleata della destra “per creare il Paese più disuguale del mondo occidentale”. Scrive Abravanel: “E’ da 20 anni che la disuguaglianza cresce, ma un conto è arricchirsi meno degli altri quando l’economia va bene, un altro è diventare più poveri mentre i ricchi accrescono il loro benessere. …

Politicarte »

Giuseppe Vacca, fratello maggiore di mio padre, era nato a Genova nel 1869. Il primo marito della loro madre eraGiulio Cesareda Passano, amico di Mazzini. In casa giravano parecchi cimeli e ricordi mazziniani. Giuseppe da adolescente frequentava amici repubblicani e conobbe Giovanni Serma di Bogliasco, falegname [“segatore di legno”] garibaldino combattente nel1867 aMentana con Garibaldi.
Nel settembre 1867 il Generale, lasciò Caprera ove era tornato dopo il suo successo a Bezzecca (l’unico nella guerra del 1866). Con 10.000 garibaldini mirava a riconquistare Roma. Aveva progettato l’impresa fiducioso che sarebbe stata appoggiata …

Uncategorized »

Come giudicare il Settennato che va finendo? Per aver deposto il colpevole del berlusconismo, la nostra riconoscenza verso Giorgio sia eterna. Parecchio meno eterna per aver conferito mandato a Mario Monti di salvare l’assetto partitocratico, invece di abbatterlo. Nella somma algebrica la riconoscenza prevale: il berlusconismo era un vulnus grave. E’ indiscutibile che la scelta della persona di Monti sia stata la migliore in assoluto, per il solo fatto che non appartiene alla Casta dei politici quasi tutti ladri. Peraltro la missione affidata a Monti avrebbe dovuto essere più impegnativa: …

Cambiare Democrazia »

Il sen.avv.prof. Piero Longo, leggenda del foro padovano e co-principe dei legali di Berlusconi, ha enunciato in rapporto ai casi del Lazio e di ogni altro contesto repubblicano la dottrina che potrà cambiare il futuro delle istituzioni. Ecco, un po’ semplificata, la tesi: poiché ogni corpo sociale comprende anche ladri e imbroglioni, è inevitabile (oppure: ‘è opportuno’) che un tot degli eletti del popolo siano ladri e imbroglioni. In tal modo le assemblee e le élites di governo riproducono genuinamente, dunque rappresentano, la società quale è. Oltre ad essere stringente, …

Corral »

L’11 settembre, sui problemi di Alcoa e simili, ‘La Stampa’ ha pubblicato un articolo di pure verità, ‘la Repubblica’ un articolo di pure falsità. Il primo ha un titolo che dice tutto: “Perché da noi il salvataggio è impossibile”. Ha scritto l’autore, Luca Ricolfi: “Che cosa si può fare? Mi spiace essere crudo, ma la sola risposta è: niente. O meglio: molto di assistenziale, poco di industriale. Siamo in Europa e gli operai che perdono il lavoro hanno diritto a qualche forma di sostegno del reddito. Ma non raccontiamo la …

Cambiare Democrazia »

1. Cancellata per sempre la delega elettorale, in Italia produttrice della peggiore politica d’Occidente, la sovranità del popolo non viene più ceduta ai rappresentanti espressi dalle urne: essa resta ai ‘cittadini qualificati’ -o cittadini attivi, o supercittadini- scelti per un anno dal sorteggio. Essi la esercitano direttamente in continuo, sia attraverso la consultazione e deliberazione via telematica,  sia in quanto sorteggiati in 2° grado a fare un turno breve (p.es. un semestre) negli organi deliberativi ed esecutivi, governo centrale compreso. Il sorteggio sostituisce le elezioni. La Costituzione va cambiata in …

Politicarte »

Per GUARDARE IL VIDEO basta cliccare su una delle immagini, o andare al link sottostante

  http://vimeo.com/52262965
Come in un sogno, le immagini appaiono distorte, vengono trasmesse e impresse secondo un procedimento irrazionale dettato dalla suggestione, come ad esempio la corsa difficoltosa, i volti imprecisi di persone mai conosciute o i luoghi solo immaginati. La musica è l’elemento fondante, guida la percezione degli eventi grafici mediante il dipanamento di un percorso compositivo basato sulla trasformazione continua del materiale sonoro. La cadenza per sintetizzatore che conclude il brano è costruita sulle armonie esposte …

Cambiare Democrazia »

Un tempo c’era il sottoproletariato. Ora che i proletari industriali si sono fatti sottoborghesia -gli operai americani si considerano middle class da oltre un secolo- per una parte di loro sottoborghesi ci sono poche speranze: regrediranno a proletari. Diventare sottoborghesia, o declinazione manuale della middle class, ha implicato accettazione delle regole del mercato. Le accettano da Landini e D’Alema all’ultimo dei manifestanti in rabbia, avvolti di bandiera rossa, virtuosi di fischietti, percussionisti di fustini vuoti e di caschi minerari. Il mercato e la democrazia elettorale hanno dato loro l’appartamento col …

Politicarte »

Da Linkiesta:

Vent’anni fa Stefano Benni scrisse che il testo della canzone più ascoltata sarebbe stato “Duyulaikit? Ailaikit, ailaikit!” ripetuto 456 volte. Sembra mancare poco perché la sua profezia si avveri completamente. La serata di ieri al Bloom di Mezzago è stata speciale anche per questo: per ricordare che, a dispetto di tutte le hit parade, la musica è divertimento ma non solo. E le parole dei testi non servono esclusivamente a far rima.
Sul palco il gruppo milanese “Johnnie Selfish and The Worried Men” (JSTWM) presenta il suo ultimo album “Kauntri Muzik”, …

Articles In English »

Lettera pubblicata dal Financial Times
Sir, As a life-long Anglophile with two British children who still keeps a home in Marylebone Village, London W1, it gives me no pleasure whatsoever to watch the current bout of Little Englanditis and Europhobia in which even David Cameron appears to indulge. The patience of other EU members, after well over 40 years of trying to accommodate these insular antics, is wearing thin. If Britain insists on veto, and on its vision of semi-detached membership to an EU that it really does not want, the …

Cambiare Democrazia »

La domanda banale è, perché le prassi della Regione Lazio sarebbero peggiori di tutte le altre prassi della nostra politica? Non sono peggiori. A Roma e ad Anagni non c’è che l’accentuazione dialettale di un’identica realtà nazionale. La democrazia basata sulle urne promuove i peggiori e corrompe i pochi virtuosi, dunque lo Stivale politico è tutto Lazio. Per fare contenti gli estimatori dei costumi della politica, metti, bellunese o astigiana, diciamo che nella Polis dei discendenti dei Quiriti risaltano più che altrove i lineamenti porcini: la cosa pubblica come truogolo.  …

Corral »

Viva la libertà di pensiero. Quasi commoventi la coralità e compattezza con cui il quasi intero mondo della stampa e il grosso della classe politica si sono rumorosamente schierati a difesa di Alessandro Sallusti e di quel sacrosanto valore, incompreso e comunque calpestato dalla magistratura. Un vero peccato che col lamentevole caso del direttore già di “Libero” e poi del “Giornale” la libertà di pensiero non abbia nulla a che fare. Lo hanno sostenuto e agevolmente dimostrato, insieme ai soliti giustizialisti impenitenti e recidivi professionisti dell’antiberlusconismo, personalità insospettabili come Piero …

Cambiare Democrazia »

Singhiozzano i piccoli Goebbels e gli altri gerarchi del locale regime: la democrazia corre un rischio mortale. Ma questa che loro chiamano democrazia vale qualcosa, oppure è come il marco di Weimar, ci voleva un miliardo per comprare un chilo di pane? Che male c’è se la democrazia del furto muore?
In Italia la democrazia è l’impostura che consente ai professionisti di rubare tutto il rubabile. Negli USA è l’impostura che consente ai plutocrati, invece che ai capibastone di partito, di decidere coi dollari chi vince le elezioni, compresa quella per …

Copertine »

-INTERNAUTA esce ogni mese-
NOVITÁ: La redazione aggiornata è in
                        “CHI SIAMO”
Consultate l’archivio dei singoli autori!
Internauta è un’officina di ideazione, un luogo per proporre e discutere nuove forme di democrazia. Inoltre diamo spazio ad approfondimenti su fatti e idee dal mondo, arte, e diamo cittadinanza a molte opinioni assenti dalla comunicazione di massa. In INTERNAUTA, le linee politiche convivono.
Uno dei modi più vividi di trattare la politica è progettarne il futuro. In questo “Internauta” vanta una credenziale in più. Alcuni di coloro …

Articles In English, Corral »

Ha scritto ‘Fortune’: “An executive who tries to talk his customers out of buying his products? It sounds nuts, but that’s what Yvon Chouinard loves to do. The outspoken, iconoclastic founder of Patagonia, maker of high-end outdoor clothing and equipment, believes that capitalism is on an unsustainable path”. Un altro imprenditore rosso? Oppure zelatore dell’ambiente? Niente di sensazionale. Ma ‘Fortune’ spiega che il Nostro “contends that we must move toward a ‘post-consumerist economy where goods are high quality, recyclable and repairable”. Il clou è in questi aggettivi, recyclable and repairable: …

Corral »

Ormai ci siamo. L’“italiano moderno” (B. Severgnini) sta penetrando in profondità anche nel linguaggio politico ad alto livello. Il viceré del PDL, Angelino Alfano, si è dichiarato risoluto a resettare il partito. Quanti avranno capito, specie tra la popolazione più anziana, d’altronde in procinto di diventare maggioranza assoluta nell’elettorato e perfino nel paese? Molti lettori o ascoltatori lombardo-veneti, meno acculturati e aggiornati dell’uomo politico siculo, avranno subodorato la caduta accidentale di una enne, essendo del tutto plausibile che la creatura di Berlusconi necessiti quanto meno di una vigorosa risciacquatura, ovvero …

Corral »

Visto che per la scorta  di Fini in vacanza all’Argentario sono state pagate in un albergo 9 camere per due mesi e mezzo, è giocoforza concludere: A) la sicurezza del presidente della Camera non sia più una priorità nazionale oltre i costi di due questurini alloggiati parsimoniosamente. Pertanto il detto presidente paghi in proprio tutto il di più. Dall’estate prossima, ridurre i questurini a uno: occorrendo, egli chieda soccorsi col cellulare. B) Si cancelli il diritto stesso alle vacanze del gerarca in parola e di ogni altro gerarca, se il …